Testirajte svoje znanje - Italijanski

Ulazni test za kurs italijanskog jezika, kojim se utvrđuje i definiše nivo znanja osobe koja ga rešava. Ovaj test je besplatan.

Nakon rešavanja testa, kliknite "Pošalji" (ili "Submit") i analiza testa stići će na Vašu e-mail adresu koju navedete u prvom (obaveznom) polju ispod ovog teksta. Hvala na interesovanju! www.jezikns.rs

Unesite vašu email adresu.
Unesite vaše ime i prezime.

Početni - Nivo 1


Simone un ragazzo di 16 anni e ama due cose: Martina e calcio. Tutti i giorni Simone al campo sportivo e a calcio per due ore. Quando a casa è stanco e non voglia di studiare. il computer e comincia a parlare con amici. La madre entra in camera e : Sempre al computer, ma cominci a studiare?! Aspetta, mamma, adesso risponde Simone. Squilla il , è Martina: , buonasera signora , sono Martina, attimo Martina, sì, adesso , ci vediamo in piazza tra dieci . Prima il calcio, poi gli , poi Martina. ragazzo è troppo occupato! pensa la madre, e torna in cucina. vai, Simone, freddo... e i compiti? Ciao mamma, freddo... in piazza.

Početni - Nivo 2


Caro Alfredo, entrata a casa da poco e letto la tua e-mail. Grazie ricordata del mio compleanno. Cosa faccio ? Non migliori amici sono lontani, e non un ragazzo che . Si chiama Stefano, assomiglia un po' a te, scherzare e ho notato che quando vado a prendere il caffè mi segue. Ieri mi ha aspettata all'uscita e un pezzo di strada insieme. Abbiamo parlato un po' del lavoro, io gli dove abita. Ho che vive non troppo da me e che non abita con i genitori. davanti ad un cinema, lui si fermato e mi ha chiesto: L'hai questo film? Mi hanno detto che è molto bello, penso di andarci venerdì . Vuoi venire vederlo con me? Ho risposto di sì e sono davvero di conoscerlo meglio. E tu che novità hai? Non vedo l' di rivederti. Un bacio, Emma.

Srednji - Nivo 3


Le due signore regolarmente ogni mattina per un caffè e a chiacchierare fino all'ora di pranzo. Erano rimaste le due signore storiche del . Negli anni le persone erano andate e venute e quindi loro un po' circondate da sconosciuti. "Lo sai che al terzo piano gli studenti?" "E chi ?" "Non lo so, dicono che i proprietari l'appartamento oppure lo affitteranno per uso ufficio un medico." "Oh, speriamo di no, così giorno avremo un continuo viavai , e tu lo sai che poi quelli lasceranno il portone aperto e entrare tutti." "L'amministratore ha detto farà cambiare il portone, metteranno uno che si chiude ." "Ah te l'ho raccontato cos'ha fatto ieri il bambino del di sopra. Ha rovesciato un vaso, e la terra è caduta miei panni stesi. Io ho sgridato dal balcone. Ma la madre mi ha detto che non mi dovevo di sgridare suo figlio." "Senti, ma quelli ultimo piano, hai capito di dove sono?" "Non sono sicura, polacchi, o rumeni. Io li ho incontrati l'altro giorno, sono persone e parlano bene l'italiano." "Oddio ma com'è tardi..." "Dove vai, perché non ti fermi un po'?" " volentieri, ma devo preparare il pranzo..." " mangiare insieme, mi davvero piacere. Ora metto su l'acqua per la pasta."

Srednji - Nivo 4


Tante volte nella vita, Luciano aveva dovuto prendere delle decisioni e se sempre bene. Questa volta però sentiva che la posta era più alta. Se avesse accettato quella borsa di studio, un vecchio sogno della sua vita: vivere all'estero e fare il master in storia dell'arte. D'altra parte, se a vivere a Parigi avrebbe dovuto lasciare l'appartamento che aveva trovato e sapeva che al ritorno non facile trovarne un altro così economico. Era chiaro che non si permettere il lusso di pagare due appartamenti, uno in Italia l'altro in Francia. Il problema più grande però Simona. Si erano insieme da pochi mesi. la loro relazione fosse stata più solida non avrebbe avuto problemi a lasciar per qualche mese, ma lei non molto bene. Ovvero, gli aveva detto con entusiasmo che era molto felice Gli aveva detto esattamente : "Se al tuo posto ci andrei, tanto io ti verrò trovare e poi un anno in fretta." In realtà, in cuor suo, Simona non era contenta che lui partisse senza di lei. Luciano aveva proprio voglia di vivere quella sua prima esperienza all'estero ma non sapeva come senza ferirla. Da aveva finito l'università aveva iniziato a lavorare e adesso che era arrivata la borsa di studio voleva sentirsi libero impegni, voleva tornare a fare lo studente , insomma.